Come COSTRUIRE un PURIFICATORE D’ARIA (per filtrare polvere, fumo, pollini e altre impurità)

I purificatori d’aria (chiamati anche depuratori d’aria) sono una gran cosa: eliminano buona parte delle particelle di fumo, polvere, pollini, batteri e muffe rendendo l’aria molto più respirabile ed eliminando i cattivi odori. Chi poi è affetto da allergie stagionali non può proprio farne a meno. Il problema però è che non solo questi aggeggi costano un sacco (non guardate i modelli economici: per una casa intera serve un apparecchio potente o bisogna installarne uno in ogni stanza), ma i filtri di ricambio sono spesso difficilmente reperibili (oltre che cari).

Il principio di funzionamento di questi apparecchi è piuttosto semplice: una ventola aspira l’aria, la fa passare attraverso un filtro e la butta di nuovo fuori. Di solito si usano filtri HEPA, che hanno un’efficienza di filtrazione compresa tra il 99,97% e il 99,99%; altre volte il filtro è elettrostatico. Alcuni purificatori hanno poi la funzione ionizzante, ma tempo fa trovai alcune ricerche che dimostravano come tale funzione se tarata male fosse dannosa: preferisco quindi non averla affatto.

Ho trovato diverse istruzioni per costruire un purificatore in casa, ma le più semplici sembrano quelle di questo tizio che ha pensato di utilizzare un ventilatore e dei filtri HEPA generici:

Non l’ho costruito e non so quanto sia valido e sicuro, ma nella parte finale si vede chiaramente come il filtro abbia catturato in due ore un sacco di impurità. Ho provato a cercare questi filtri generici in Italia e ne ho trovati su eBay a una decina di euro. Personalmente comunque aggiungerei un variatore di tensione per rallentare la velocità della ventola e diminuirne la rumorosità (se ne trovano di economici in molti negozi di bricolage).

11 commenti su “Come COSTRUIRE un PURIFICATORE D’ARIA (per filtrare polvere, fumo, pollini e altre impurità)”

  1. Non arriverà ai risultati di purificatori con filtro elettrostatico… bho…. non so a cosa possa effettivamente servire se non a far rumore

  2. Ciao,
    correggi il link di wikipedia al filtro HEPA, hai messo due “http” ed il link non funziona.

    Saluti,
    Manuel

    P.S: complimenti per il sito, davvero singolare :) Se posso darti un consiglio continua a scrivere i post con farina del tuo sacco, altrimenti rischi di diventare un blogger che semplicemente segnala video su youtube & simili.

      • link corretto, grazie.

        sì, sono d’accordo con entrambi :-)
        ho già pianificato un po’ di articoli interessanti, ma con questa storia della prova dei 30 giorni non ho abbastanza tempo per scriverli. appena finisce (altri 2 giorni, grazie a dio) credo posterò meno frequentemente. in questo modo potrò dedicare a un solo articolo il doppio o il triplo del tempo che gli dedico adesso.

        in ogni caso credo che continuerò a postare anche materiale trovato in rete, soprattutto per via dei commenti che spesso portano idee ed esperimenti più belli del post che li ha originati :-))

        p.s. questo commento vale come post del giorno, vero?

  3. Tanto vale comprarselo …
    Oppure, cosa fantastica, sarebbe modificare la ventola del bagno con un filtro, magari aromatizzato, che quando sei nel momento del bisogno non sei soppresso da quella orribile puzza.. e poi magari qualcuno che mangia secco espelle polvere!

  4. un altra idea è quella di mettere qualche goccia di profumo sui sacchi degli apsirapolveri!!! vedrete che profumo di violette che c’è poi in casa…(soprattutto se aspettate visite da chi ha puzza sotto al naso…)

  5. Vorrei far notare che quello che viene utilizzato nel video dovrebbe essere un aspiratore, non un ventilatore, che è pensato per buttare aria anzichè succhiarla.

  6. Salve a tutti tempo ho letto questo articolo, ed oggi sempra essermi utile questa idea, volevo sapere che filtro ha usato e se ce ne sono di varie misure..
    Inoltre volevo chiedere, come sarebbe piú produttivo, aspirare aria da dietro e fitrarla in avanti oppure aspirare aria davanti e filtrarla dal retro?

  7. L’idea non è sbagliata. I depuratori con ionizzatore caricano elettrostaticamente la polvere facendo si che si attacchi a qualsiasi superfice vicina. Questo evita che svolazzi in giro, ma la fa attaccare ben bene ovunque. Inoltre possono produrre ozono, che non fa gran bene alla salute. Meglio catturare semplicemente la polvere con dei semplici filtri Hepa, ricircolando più aria possibile.
    Il filtro è meglio posizionarlo a monte della ventola, così anche questa resta pulita

Rispondi a einstein Annulla risposta