Come fare meno fila alle Poste (io non vi ho detto niente)

Esistono almeno tre metodi per fare meno fila alle Poste: due sono ufficiali, l’altro un po’ meno.

1. Postamat. Si può usare nelle filiali con la macchinetta che ti stampa il bigliettino del turno (tipo salumeria). Tra i vari tasti, dovrebbe essercene uno per i possessori di carta di debito Postamat, quella associata ai conti correnti delle Poste Italiane. In qualità di possessori di tale carta, il sistema provvederà a far arrivare prima il vostro turno. Nota: io ho la Postamat ma nessuno mi ha mai chiesto di mostrarla. Con questo cosa voglio dire? Niente.

2. PT Business. Lo scenario è identico al precedente tranne per il fatto che la priorità viene assicurata dalla carta PT Business che viene data gratuitamente ai possessori di Partita IVA che ne abbiano fatto richiesta. Dà diritto a parecchie altre agevolazioni.

3. La lettera. Ho messo a punto questo metodo anni fa. Come sapete, nella maggior parte degli uffici senza diavolerie per il turno (quelli in cui si fa la fila tipo capre, insomma) esistono diversi tipi di sportelli. In genere quasi tutti sono impegnati nel pagamento di bollettini postali e operazioni sui conti Bancoposta e almeno uno per le normali spedizioni postali. I primo sono sempre strapieni di gente, negli ultimi la coda in genere è umanamente sopportabile o del tutto assente. Un giorno andai a spedire una lettera allo sportello postale e avevo dei bollettini in mano. La donna allo sportello li vide e disse: “dammi qua”. Glieli consegnai e mentre procedeva le chiesi se la cosa fosse legittima (sapete com’è, quando ci sono cento persone infuriate è difficile uscire vivo dalle Poste). Mi rispose che quando il pagamento dei bollettini è associato alla spedizione di lettere e pacchi postali non fanno fare la doppia fila. Ora, non credo che la cosa sia ufficiale ma in effetti in tutti gli sportelli postali che ho frequentato funziona proprio così. Potrei dirvi che da allora spedisco delle lettere da 40 cents ai miei amici con dentro volantini pubblicitari, perchè 40 cents valgono sicuramente un’ora e più della mia vita. E potrebbe essere vero. Insomma, i fatti sono questi.

Adesso che sapete come accorciare la coda, vi pregherei di:

1. andare dai vostri parenti anziani e spiegargli almeno il terzo punto.
2. se siete dei ragazzi, dimenticarvi tutto e fare la fila normalmente come tutti gli altri. Avete altri metodi per non aspettare (vedi sotto), non rendete ancora più lunga l’attesa di gente che a stare in piedi per ore ci soffre davvero.

P.S.
Non dimenticate che quasi tutte le file che fate alla Poste possono essere evitate. Per i bollettini, ad esempio, esiste la domiciliazione bancaria e molte banche permettono di pagarli attraverso i loro servizi online (compresa Bancoposta, ovviamente). E’ possibile completare da casa parecchie operazioni anche con una semplice Postepay.

Leonardo

19 commenti su “Come fare meno fila alle Poste (io non vi ho detto niente)”

  1. Un altro simpatico e utile articolo..
    Grande Leonardo!

    Quasi tutti i giorni apro lifehacks per vedere se c’è qualche articolo nuovo! Ottimo sito, complimenti davvero. Continua a scrivere!!

  2. In realtà nella file per le spedizioni i bollettini devono accettarli anche se non devi fare spedizioni; c’è di solito un cartello, all’inizio della fila, in cui è scritto qualcosa tipo: in questo ufficio postale gli sportelli “Prodotti postali” effettuano anche i seguenti servizi: bollettini postali, ricarica postepay ecc… Poi se fai la fila senza nulla da spedire te lo fanno passare come fosse un favore ma non è così! Tant’è che una volta ho fatto chiamare il direttore e l’impiegato ha detto che era un malinteso :)

  3. Fantastico qusto sito, ma qui non sono d’ accordo, alle poste e’ strapieno di anziani, che non soffrono affatto,e casalinghe, categorie che il tempo lo gestiscono come vogliono, ma no,loro riempiono l ufficio postale dall apertura fino alle dieci, poi e’ vuoto, cosi’ rompono le palle a chi deve andare a lavorare, dimenticando, che chi deve andare a lavorare, sono proprio quelli che pagano la loro pensione… ma cosA VANNO ALLE 8 CHE NON HANNO UN AZZ DA FAREEEEE

  4. Secondo me ho individuato un metodo per far si che il turno arrivi prima…nelle poste dove si ritira il bigliettino basta prenderne tanti di un solo tipo…il turno secondo me avanza in base alle richieste di tipo di servizio…può essere ? io faccio sempre così !

  5. avevo sempre pensato che gli hacker fossero persone molto cattive
    nella mia mente gli hackers erano i lupen del pc i provenzano del pc e potrei citare altri dispreggiativi
    grazie a te leo e ai tuoi articoli costruttivi e divertenti con quel pizzico di furbizia mi hai fatto cambiare l idea sbagliata che avevo su di voi
    continua cosi
    ciao da angelo

  6. Mio padre lavora alle Poste e questi metodi me li ha insegnati fin da quando ero un bambino…..volendo un altro trucco (valido solo negli uffici postali in cui non andate mai) è fingersi ciechi e andare allo sportello con meno fila: l’impiegato non vi farà di certo cambiare sportello, poverini…..

  7. Anche io sono possesore di Postamat in quanto correntista Bancoposta e devo dire che arrivare nell’ufficio e passare dopo tre minuti quando c’è gente che aspetta da ore non ha prezzo, qualcuno ti guarda anche male :D comunque a secondo di chi trovi chiedono se sei un correntista, forse con te non lo fanno perché già ti conoscono

  8. Ciao, questa mattina sono andata in posta e poichè sono titolare Postamat ho preso il bigliettino per lo sportello dedicato…ma sono stata aggredita verbalmente da tutti. Sia dalla maleducatissima operatrice di sportello che dalle persone in coda.
    Le persone in coda perchè ignoranti, quella dello sportello perchè dice che non posso usare quello sportello per tutte le operazioni ma solo per i pagamenti.

    Qualcuno di voi sa dirmi se effettivamente è così? Se devo spedire una raccomandata, non posso usare lo sportello dedicato? Per la cronaca, avevo fatto sempre queste operazioni presso altri uffici postali, ma era la prima volta che andavo in questo (e credo anche l’ultima).
    Sapete aiutarmi?

    Grazie mille
    Maria

  9. Ciao,
    premesso che lavoro purtroppo per poste italiane ci tengo a dirvi che alla posta vige la regola: ”
    Paese che vai usanza che trovi”, ogni posta generalmente attua e fa rispettare le regole in modo differente con piccole sfaccettature;Ci sono uffici piu “rigidi” e altri meno,generalmente nei piu piccoli riesci a uscirne prima e senza litigare (ma non e’ sempre cosi).
    Per risp alla tua domanda posso dirti che, chi e’ titolare di conto corrente e sfrutta la fila dei correntisti in teoria potrebbe fare tutto anche spedizioni, ma molti uffici non hanno le postazioni aggiornate (per farla semplice gli manca la bilancia per pesare buste,pacchi,etc) e quindi non puoi fare spedizioni oltre alle normali operazioni di sportello.
    Secondo una piccola tecnica per ”accorciare” la fila e quella di prendere piu numeri possibili della lettera che vi interessa. perche anche se le file sono controllate manualmente da dentro l’ufficio, chi di dovere vedra che ci sono troppi numeri in coda e per evitare litigi e reclami favorira la chiamata delle file piu lunghe…ed anche in questa situazione posso dirvi che non e’ sempre cosi!!!Quindi se dovete andare alla posta..mattetevi l’anima in pace perche come ho trovato scritto una volta sulla porta di un ufficio LASCIATE OGNI SPERANZA O VOI CHE ENTRATE!!!!

  10. Salve io volevo una spiegazione dettagliata delle varie lettere dei numeri:lettera A,C,E.con queste lettere che servizi possono svolgersi?Stamattina sono andato in pista per aggiornare il libretto postale,ho preso la lettera C e mi hanno detto che devo prendere la lettera A per aggiornare il libretto postale

  11. Faccio il praticante per un avvocato, e la mia missione quotidiana era “praticare” l’ infernale fila alla posta centrale della mia città.
    Se solo ci penso, mi rendo conto di aver perso anni di vita in fila alle poste.
    Per fortuna un mio collega avvocato mi ha presentato i sognori della posta privata a due passi dal mio ufficio, così ho scoperto che esistono alcuni servizi di poste private che vengono a ritirare la posta a domicilio e ti evitano al 100% la maledetta fila alla posta.
    Ce ne sono diversi in base alla città in cui abiti
    Io sto usando Posta Power.

    ciaoooooo

  12. Veramente io sono titolare bancoposta e ho notato che – non essendoci più lo sportello dedicato – è uguale prendere un biglietto riservato ai correntisti piuttosto che quello per pagare i bollettini… Lo dico perché se li prendo tutti e due chiamano più o meno insieme.

Rispondi a angelo Annulla risposta